top of page

IL GENDER UNA MEZZAVERITÀ? O BUGIA?

Don Claudio Fabian Almeyra Fereyre

IL GENDER UNA MEZZAVERITÀ? O BUGIA?

In diversi paesi del mondo è approdata nelle scuole un'iniziativa dei governi per “combattere” la discriminazione basata sull'orientamento sessuale. Tutti si chiedono perché? Che cos'è? Ebbene, negli anni '70 negli Stati Uniti, sono stati fatti studi considerati frutto della rivoluzione sessuale-femminista, con lo scopo di combattere il cosiddetto "Patriarcato". All'interno dello stesso tema, si è cercato di lottare contro ogni tipo di discriminazione di razza, etnia, sesso ecc.

Tradizionalmente, gli individui umani si dividono in uomini e donne, tenendo conto della loro condizione biologica. Invece, gli "studi di genere" propongono un altro tipo di divisione, ovvero

A) il sesso, che sarebbe il corredo genetico di ciascuno con caratteristiche biologiche fisiche e anatomiche.

B) il genere che sarebbe una costruzione culturale che rappresenta un comportamento specifico come uomo o donna.

Il genere, cioè il comportamento che ciascuno di noi ha secondo la propria condizione, è condizionato dalla cultura e dalla società, secondo questa teoria, non sono dettate dalla biologia di ogni essere umano. La teoria “gender” in Occidente è un boom, al punto da diventare una materia inserita nei curricula delle scuole pubbliche e private, ad esempio in alcuni paesi questa "missione" di rieducare i ragazzi è stata affidata all'associazione lgbt (lesbiche, gay, bisex e transgender). con il potere di insegnare le proprie idee, anche ai bambini della scuola primaria.

Prima dall’inizio di questi corsi è stata realizzata un'indagine, ad esempio in Italia, dove si è verificato il grado di accettazione della popolazione, nel confronto della realtà omosessuale, i risultati sono stati i seguenti: 60% della popolazione era tollerante nei confronti dei comportamenti gay, il 43,9% era favorevole alla unione civile di due persone dello stesso sesso e il 20% era d'accordo con l'adozione dei bambini da parte di queste coppie1.

L'identità sessuale è essenziale nella struttura di una persona umana, sia dal punto di vista genetico, cioè biologico come comportamentale, per questo possiamo assicurare che la “dottrina di genere” è falsa perché non è scientificamente verificabile, vari psicologi italiani tra quali Marzio Barbagli nel libro (La sessualità degli italiani. Ed. Il mulino), affermano che questa negazione della differenza sessuale fa più male che bene2.

L'antropologia ci insegna che l'essere umano è stato creato per trascendere, questo si fa anche attraverso il sesso, ecco perché si crea una comunione tra un uomo e una donna con lo scopo primario di procreare; questo sarebbe innegabile biologicamente, perché è l'unico modo che la razza umana non sparisca, ma va detto che insieme alla procreazione biologica c'è un comportamento psicologico che spinge a la persona alla propria autorealizzazione attraverso l'altro (trascendenza) questo sarebbe il vero amore e se vive effettivamente nel matrimonio fra un uomo e una donna che riescono a completarsi nella loro condizione sessuale ed affettiva.

In alcuni paesi del mondo stano chiedendo come condizione, sine qua non, per prendere la patente di guida il corso di teoria “gender”3.

Ovviamente siamo tutti d'accordo nel non odiare nessuno a causa della sua condizione, razza ecc. ma bisogna dire che nella società odierna sono più discriminati coloro che alla luce della scienza pensano che l’essere umano sia uomo e donna.


___________________________

1 M.A. Peeters, Il Gender. Una questione politica e culturale, Cinisello Balsamo (Milano) 2014.

2 idem

3  https://www.ellitoral.com/

bottom of page